Dal libro
S. Andrea del Garigliano:
Folclori – Gastronomia   …  e amuri

 

Gesù

Quanta gente attuorno a ttè,
quanta rovina p’ stò munno. ...
Gli sienti sulo dì parole Sante,
pecchè sò ssulo animati daglio desiderio
della conzapevolezza d’esse travolti dalla redenzione.
Gliò core accetta cò tanto sacrificio
chelle parole d’ speranza e d’amore,
cerca d’ purgà l’anima e salvarela p’ l’Eternità.
P’ truoppi sò ssulo parole e niente chiù ...
però p’ chiglio ch’ crede p’ ddavero,
Gesù gliò t’è sempe ‘nzema a isso,
vicini uno accanto a gl’auto;
gliò tocca sulo cò gliò penziero,
cò l’anima e cò la mènte. ...
Ognuno appena trase rento a cacche chiesa,
gliò trova allà  ch’aspetta gliò fedele,
crocefisso e appiso a ‘nna croce p’ l’Eternità;
continua a ittà sango p’ l’amore e p’ la pace,
e l’ sofferenze soie nisciuno l’ po’ sapè.
Basta sulo nò minuto ‘nginocchiato a gli pieri suoi,
a chiglio momento t’accuorgi ch’ la vita tia
è fatta sulo d’ cattiveria e nno d’ benignità.
Quanti esempi e quanti ‘nzegnamienti,
ma nisciuno gl’ha voluto ascotà,
e mmò t’ sienti d’èsse comme a Giuda;
pur’ì m’ sento crocefisso comme a isso.
V’ dico na preghiera p’  la salvezza vosta,
fateve tutti n’opera d’ carità p’ vvui stessi,
jate alla chiesa, nginocchiateve e pregate,
fatelo p’ scrupolo d’ coscienzia,
s’ è llovere ch’ ancora la tenete
sulo p’ nnò momento
conzacrate l’anima e gliò cuorpo a Dio,
sulo accussì potete èsse perdonati p’ l’Eternità.

 

                                                        Gesù Risuscitato

 

Stelle mèie

Stelle mèie,
compagne della notte,
cuori ‘mmacolati degl’univerzo,
nisciuno chiù dd’ vui po’ sapè
quanta è immonda chesta vita.
Brillate sempe,
nò vv’ sò visto mai spente,
la notte m’ sembrate tanti ceroggeni appicciati ...
chisà! ...
No nn’è ch’ site tutte muorti d’ stu munno
ch’ state ‘ncielo e la sera p’ sta ‘ncompagnia v’appicciate comme a nna cannela?
Sulo p’ ffà verè ch’ a chisto munno c’ state puro vui?
A st’ domande nò mm’è dato sapè,
però v’ vero lucenti e brillanti ogni sera,
v’ faccio na preghiera: conzigliateme nò puoco;
vui nò ‘mpotete sapè quanto aggiò bisuogno. ...
Stelle meie, saggezza ‘nfinita ...
conzulenti degli peccati miei,
meraviglie senza confronto:
Pecchè nò m’ascotate?
State zitte zitte,
brillate sempe e nnò vv’ spegnete mai,
facesse nò tesoro d’ sta saggezza vosta,
e l’adoperasse  p’ chisto mondo ‘nfame.

 

La maestra mia

Troppe vote m’ tornano piaciri e tormienti,
e mm’ volesse ripassà la vita da uaglione.
M’ tornano tutte chelle biricchinate,
anzi ch’ dico? ...
Chelle malandrinate ch’ facevo alla maestra mia.
Era na ggione bella comme a nna rosa,
teneva gli capigli biundi colore dello rano,
gl’uocci bianchi neve e celestini deglio cielo,
era bella assai, anzi troppo bella a gl’uocci miei.
S’ presentava alla scola tutta aggrazziata,
sembrava addavero n’angelo deglio cielo;
nui, pori uagliuni rimanevamo ‘mbambolati,
la trementavamo daglio capo a gli pieri.
Cominzava la lezione cò l’Ave Maria,
appriesso gliò Pater Nostro e gliò Gloria Padre;
naturalmente cominzava cò la religgione.
S’ gliò juorno prima,
caccheruno gl’aveva fatto gliò dispettuso,
allora s’ recitava puro gl’Atto d’ Dolore,
naturalmente chisto p’ gli peccati.
Quanno c’ ‘nzengnava la Storia o la Giografia,
ascotavamo sulo p’ la uardà ‘nfacci ...
era troppo bella ... e tutti c’ domandavamo:
Chisà s’ t’è gliò fitanzato? ...
Aaah! ... S’ tenesse nò puoco d’anni d’ chiù ...
beh, nò ‘nsaccio s’ mm’ sò spiegato! ...
Girava viggile attuorno p’ gli banchi,
ogni tanto t’ faceva na carezza e tt’ domandava:
hai capito la spiegazzione?
Nui uagliuni eravamo furbi e fessi p’ natura,
respognavamo: sì sììì! ...
Ma rento a st’ quatto cerevella meze fracete
d’ tutto lo spiegato poco c’ traseva. ...
Na vota sola  la  sò vista ‘ngazzata ed aveva raggione!
La lassemmo cò la cesta degli regali d’ Natale
p’ la via:  c’ n’ scappemmo
p’ nnò l’accompagnà alla corriera,
quanno finètteno l’ vacanze; apriti cielo!
Mò v’ lasso a tutti medità! ...
Era ggione e teneva puoco chiù d’ vint’anni,
ma sapeva èsse malandrina a punto giusto,
lò faceva d’ proposito p’ cc’ fa ‘mparà;
nui, ch’eravamo filabbustieri la dovevamo assecondà.
Quanno s’ facevano i compiti d’ matematica,
girava sèmpe p’ gli banchi a controllà,
ogni tanto t’ sentivi n’alluccata,
p’ meglio dì ... na strigliata a cacche asenieglio,
magari nò scapezzatone,
na bacchettata ‘ncoppa l’ mani,
o nò sganassone p’ finta sotte gliò musso,
accompagnato da nnà parola d’ conforto.
La bacchetta l’adoperava poche vote,
la teneva sempe pronta sulo p’ premura,
ma quanno l’adoperava erano p’ tutti fatti amari.
Sinceramente la volesse rencontrà,
è nna vita ch’ nò la sò vista chiù,
mò d’ sicuro è vecchiarella,
ma la volesse rencontrà ancora na vota,
p’ falla ritornà addereto quann’era ggione.
Sapissi quanti penzieri gli passasseno p’ gliò capo,
e tutti gl’ammovinasseno chelle cerevella,
d’ sicuro in bene, pecchè n’è cosa d’ tutti gli juorni
‘ncontrà na scolaresca comme a chella nosta
d’ quarant’anni fa.
Chisà s’ ss’ ricorda d’ mè? ...
Penzo propio d’ sì, pecchè ero bravo alla scola,
povero, ma bbuono educato,
anche s’ gli genuturi miei erano ‘ngnoranti.
Erano ati tiempi, piccirigli e vispi,
l’ vote velenusi comme a gli scarrafuni;
ch’ tt’ potivi aspettà da na massa d’ uagliuni
ch’ vivevano p’ la campagna?
Gl’unico divertimento era d’ corre ‘mmieso alla terra,
a pasce l’ pecore e a ffà i compiti ch’ cc’ venevano assegnati:
quanno c’ steva gliò tiempo;
ma a chigli tiempi  l’ pazzie e gli divertimienti
nò nc’ stevano.
Però cò l’ bbone manere soie
na parte d’ nui
la terra e la campagna ammò lassato ...
I sò ssicuro ch’ ss’ la ‘ncontro,
parlennele d’ mè e della vita mia,
s’ mettesse a chiagne comme a nnà creatura;
ch’ avete capito?
A chiagne p’ la contentezza,
nò ‘nsulo pecchè m’ha ncontrato e m’ t’è nnanzi,
ma p’ tutti chigli sacrificici suoi ch’ ha fatto,
e ì, p’ la risollevà daglio dolore la stregnesse forte,
propio comme fa nò figlio cò la mamma.
La ‘nvitasse a rencontrà la scolaresca,
chella d’ nna vota: la classe mia,
naturalmente chella sia,
sulo p’ gli fa ‘ncontrà tutti chigli filabbustieri d’ nna vota,
facerecigli conosce mò da ruossi,
e tutti ‘nzema ffa na bella festa.
Gli genituri suoi gl’avevano rato nò beglio nome,
s’ chiamava “Maria Angelina”,
nò nome doppio e ‘nsapivi quale dice p’ la chiamà,
allora tutti quanta la chiamavamo: “Signora maestra!”
O addirittura sulo “Signorina!”
Pecchè n’era sposata e “Signora” nò l’ s’addiceva.
Gliò cognome era “D’Agostino” ed era d’ Cassino,
Sinceramente mò c’ abbito pur’ì a Cassino,
ma gliò tiempo  materiale p’ l’haì a trovà nc’ stà.
M’ ricordo quanno la chiamavamo da lontano,
la verivi corre cò chigli tacchi a spillo,
t’ veneva vicino e tt’ chiedeva ch’ era succiesso,
e ss’ caccosa non jeva,
t’ conzolava comme fa na mamma cò nnò figlio.
V’ lò giuro dinanzi a Dio,
era gliò fiore chiù bieglio
d’ tutti chigli ch’ avevo visto ‘nvita mia,
e ssò ssicuro ch’ n’ato comme a essa nò ‘ns’ trova.
La scola s’è cagnata
e gli sonaturi c’ n’ stanno ‘nquantità,
ricordarese caccheruno è propio raro,
ma la maestra mia d’ tant’anni fa
la porto sempe ‘nzema a mmè,
pecchè s’ oggi sò chello ch’ ssò,
lò devo tutto a essa ch’ mm’ha saputo ‘mparà.

 

         In ginocchio: gliò secondo da Sinistra
Orazio Di Resta - Classe III^ Media

 

Lò chianto addollorato d’ ‘nna mamma

Nisciuno sa quann’era ggione,
quante vote aggiò pregato gliò Signore,
tutto p’avè nò figlio a ssomiglianza mia e sia.
Gl’amore ch’ c’aggio misso
L’ sapemo tutti dui: ì e isso.
La gioia arrivette cò gl’amore,
ma dopo tanti sacrifici e tant’affanni,
‘ncasa mia è arrivata la disperazzione;
m’ trovo nò figlio drogato e mmale misso d’ saluta.
L’ cerevella ‘ntenno chiù tiempo d’ penzà allo bbuono,
tutto s’è scarrubbato rento a chesta casa mia;
la raia, lò veleno e l’ jasteme
hanno pigliato gliò comando
rento a cheste quatto mura:
‘nzomma m’è trasuta rento casa la disperazzione.
Nò bbeglio juorno, dopo tanto chiagne,
l’ lacrime mare m’avevano avvelenato gl’uocci,
la cancrena era addiventata
la padrona d’ st’ quatt’ossa meie.
M’abbijo na matina p’ lla via:
senza senno a st’ cerevella mèie,
m’ trovo tutto d’ nò tratto ‘nnanzi a ‘nna chiesa
cò la porta raperta e rento c’ steva tanta pace.
M’ sento a st’ cerevella meie ‘nquastite na vocella,
m’ sussurrava: “Va, vaa, vaaaa, trasi rento!
Ch’ stai a ffà comme a nna sonnambola ‘mmieso a ssà via? ...
Trasi rento, ccà ffore nn’è gliò posto tio!”
Traso rento comme a nnà sperduta rento a chella chiesa,
appena vero gliò crocefisso puosto ‘nnanzi a chigl’altare,
corro quasi comme fosse pazza:
m’ ‘nginocchio ‘nnanzi a isso;
a gliò fianco c’ steva la Maronna,
pare ch’ tutti dui m’ trementevano fissi
rento a gl’uocci miei;
m’ s’ rapette gliò core
e ‘nna grazzia chiesi a tutti e dui:
“Gesù mmio, Maronna Santa mia,
sulo vui sapete, fateme na razzia,
guariteme chiglio figlio,
‘ntengo chiù l’ forze p’ gliò potè accudì!” ...
‘Ntanto, gliò figlio da lontano la segueva,
e trase pur’isso rento a chella chiesa;
s’ mettette comme per incanto pur’isso a preià.
La pora mamma
tutto chesto ch’ soccereva alle spalle soie nò llò sapeva
e continuava a chiede grazzia
a Gesù e alla Vergine Mmaria;
l’ preghiere, una jeva e ‘nn’auta meneva,
‘ntanto l’amaro addiventava doce,
a ‘nnò cierto punto dopo tanto pregà dice:
“Maronna mia Santissima,
lò veleno d’ stò munno nò llò sopporto chiù! ...
Ti prego, guariscimiglio chiglio figlio mio.”
Mente diceva st’uteme parole,
na voce lontano,
ritto ‘mmieso a gli banchi della chiesa,
cò forza, devozzione e amore,
chiagnenne respogneva:
“Mammà , mammà! ... I sò guarito ...
La grazzia l’aggio avuta”. ...
La mamma,
girata alla Maronna delle Grazzie respogneva:
“Grazzia, grazzia Maronna mia”. ...
S’ girètte d’ forza e verètte gliò figlio sio a vraccia rapèrte,
‘mmieso a gliò centro della chiesa ch’ pregava,
a prima vista gli sembrava Gesù crocefisso
la figura della sagoma ch’ gl’appariva a gl’uocci suoi;
cò gliò pianto e nnò rimorzo ‘ngola a vraccia raperte,
disperata, correva p’abbraccià chiglio figlio sio.
La sagoma sempe chiù vicino la vereva,
ma la vereva ch’ scegneva
accartoccennese p’ terra lentamente,
e gliò figlio esausto, chiano chiano la vita perdeva.
Gl’abbraccette sì, chiglio figlio sio,
ma muorto ‘nnanzi a gl’uocci suoi.
A chiglio momento ‘nc’ steva gliò figlio muorto,
‘nterra stiso ‘nnanzi a gl’occi suoi,
ma ‘nzema a essa a chiagne l’Addollorata
ch’ teneva ‘mbraccio gliò figlio sio.