Poesie dal libro:
Paese mio …Terra mia

 

  Gl’amaturi

Ogni vota ch’ stongo a ffà caccosa,
c’ stà sempe caccheruno ch’ ss’ vò fa sentì,
m’ dicesse almeno cose serie ...
gli sienti sulo d’ parlà d’ femmene ‘ncalore,
e tutte l’ate cose sò ‘ssulo retoriche
ch’ ss’ sò ‘mparate a ffà.
Gl’unico argomento è: “Chiglio d’ fa gl’amore”.
Cominzano a parlà d’ chella bella bionda,
dicono tutti ch’è bbona ed è accussì accorta,
mente chell’auta ch’è na mora è meglio ancora,
pecchè t’ fa ‘mpazzì,
è nna vera femmena d’ razza,
e quanno sò d’ razza ... figli miei, lassamo stà.
‘Nzomma, passono gliò tiempo sulo a fa gl’amore,
anzi cò gliò penziero d’ fa “Gl’amaturi”,
ma in realtà è tutta n’ata cosa.
La cosa bella è ch’ quanno sienti da una
nò parere ‘nguoglio a uno o dui amaturi
dice sempe:  “D’ chigli! ... Ch’ tt’ n’ fai! ...
Tenno sulo la lengua longa,
la tenno sulo longa e ‘nna sanno adoperà!
Tenno sulo gliò vizzio d’ sparà sentenze e niente chiù.
Quanno arrivano al dunque ...
è meglio ch’ lassamo stà!
Specialmente chiglio! ...
Nn’è bbuono a tenerese nò cece ‘nculo,
figurate s’ cò la lengua e gliò cetrone ch’ ss’ retrova 
comme a isso ... ch’ po’ fa?
Sulo fesserie è bbuono a dì e niente chiù.
S’ veramente sapesse fa caccosa ...
ì nò ‘nc’ credo ch’ esse tutto a spifferà,
na femmena s’ la tenesse d’ cunto bbona bbona,
e ‘ngni facesse la retorica d’ chello ch’ sa fa!
‘Nzomma, a fa gl’amore è n’arte,
e na femmena è nna poesia ...
penzo ca c’ simo capiti.”
Chisti nò nlò vonno capì!
Sulo fesserie s’ sò ‘mparati
e sulo chelle sanno raccontà.
P’ capirece bbuono ...
nisciuna femmena è contenta degl’ome sio.
Gli piaciono d’ fa l’ farfallone e può l’ scappatelle,
e fanno ‘mpazzì sti quatto zulù d’ nnammurati. ...
Anzi malati d’ cerevella e niente chiù. ...
Tutte, dico tutte dicono
ch’ gliò ‘nnammurato la fa sentì “Femmena” ...
e gliò marito è ssulo nò museo e niente chiù.
Però st’ quatto belle femmene ‘ncalore,
‘ns’accorgeno ch’ cò gli mariti stanno troppe vote a litigà,
‘ns’accontentano mai d’ niente
e stò poro marito gliò vonno tenè schiavo,
schiavo tutto p’ ssè.
La rascia l’ careca a volontà,
gliò peccato è vizzio e nnò moralità,
chesta è la sentenza:
la donna ns’accontenta mai!
E fa bbuono! ...
Ch’ d’ citrulli, cucuzzi,
molegname e banane
c’ stanno 'nquantità ...
e  ss’ nnò bastano c’ stanno puro l’  bottiglie 
cò misure a gusti a volontà.
A stò punto gl’ome rimane chello ch’  è:
nò poro illuso!
Cò l’ cerevella fuse...
capace sulo d’ ss’ sonnà senza confini.

 

Paese e storia

La storia è nnò modo p’ tt’ fa ricordà,
soprattutto l’ cose antiche,
antiche sulo p’ modo d’ dì ...
pecchè a chisto munno
tutto s’ rinnova cò gliò tiempo,
e cò nnò flash d’ luce
l’antico addiventa presente.
M’ uardo stò presepio
‘mpuosto ncoppa  a stò roccione,
ancora conserva gli fulclori antichi,
gliò viri vieccio,
ma è bieglio comme a gliò cielo;
s’ veste degli culuri della terra,
e ss’ cagna cò gliò fascino deglio juorno,
spargenne lontano i profumi antichi ‘nquantità.
E’ nnò splendore è bieglio comme a gliò Paradiso;
appena sagli la piccola e stretta curva  ‘nsalita,
t’ truovi ‘nnanzi la chiesetta cò gliò campanile;
chisto sona ogni quarto d’ora e t’ dice l’ora.
L’ quatto bronzee campane
l’ sienti puro da lontano rintoccà,
ma gliò panorama da sta parte
è comme a uno degli sette raggi dell’Eternità ...
è  llovere,  pare d’ sta Mparadiso.
Dalla parte opposta la chiesa grossa,
ogni domeneca la truovi sempe affollata,
cena d’ fedeli a sentì la Santa Messa.
Ma la gente forestera ogni juorno
v’è a verè la gloria e lo passato,
d’ stò gigante piccolo dell’antichità.
Gl’Aurunci da lontano gli fanno da cornice,
puoco chiù in là,
l’ Mainarde quasi sempe cene d’ neve,
gli danno gliò dono
d’ vive mmieso a nnò presepio,
e a gliò centro,
t’ viri  S. Andrea mmieso a gliò cielo,
colorato da tanti culuri deglio Paradiso.
Tutte l’ bellezze deglio paese mio
sò chelle quatto mura,
t’ sienti rento a cheste
n’addore forte d’ storia antica,
gli fiuri a gli balcuni t’ fanno ‘mbriacà,
e gli sapuri della gente sò forte d’ genuinità.
La storia s’ rivela rento a cheste vecchie mura,
addò t’ giri ggiri s’ lassa remirà,
e tt’ truovi ‘nnanzi gl’uocci
na cartollina d’ felicità.
Chisto è nnò paese Santo,
la storia sia sta rento
alla “Valle dei Santi”
e rimane Santo p’ l’Eternità.

 

E’ colpa ...

Ogni tanto p’ la via
t’ viri la gente completamente ‘mbecellita,
gli viri d’ ì da nna via a n’auta
comme a gli scemuniti,
pare ch’ gliò cerevieglio
ha fatto tilt tutto d’ botta.
Caccosa è succiesso e nisciuno s’ lo spiega,
poesse ch’ la colpa è della natura ...
pur’essa troppe vote t’ combina scherzi;
basta penzà a l’ereva ch’ ss’ secca,
l’ piante ch’ d’ botta s’ammosciano,
l’ foglie l’ viri carì  p’ terra senza na raggione.
L’ vote viri puro gl’aglimali tremente ‘mbestialiti,
corrono comme a gli pazzi da nna via a n’auta,
m’ sembrano tanti rannati
ch’ corrono p’ la paura,
pare ch’ tenno gli diavori ‘nguorpo.
Spisso verènne cheste cose m’ domando:
“Pecchè tutta chesta confusione?” ...
E’ la gente ch’ s’è mpazzita
o s’è nzallanita tutta d’ botta
o è la natura ch’ gli fa ‘mbabalì?
D’ tutto chesto di chi è la colpa? ...
I tengo nò presentimento
ch’ tutto chesto
è opera della natura.
Gli piace giocà
e piglià la gente e gl’aglimali ‘ngiro.
D’ sicuro p’ ss’addecrià
a rire nò puoco alle spalle loro,
gl’arrobba nò puoco d’ossiggeno
e vviri tutto cose perde lo meglio,
chi l’ foglie e chi gli sentimienti;
la natura ‘ngenerale
la viri ‘mbriaca d’ caccosa.

Cari letturi,
vui ch’ state a legge v’ mettete a rire,
ma v’ site chiesto mai
quanno v’afferra la tremarella
o  v’ sentete mancà l’aria,
o addirittura
quanno gliò capo ‘ncominza a girareve
senza na raggione
ch’ v’è succiesso? ...
Ch’ mm’ sta succere  mò? ...
No nooooo!
I sò ssicuro,
nò vv’ lò site mai chiesto!
Pecchè attribbuite tutto chesto
a cacche malatia,
e dd’ colpo
v’ mettete l’anima ‘mpace
e ‘nc’ penzate chiù.
Spisso caccosa d’ strano
succere ‘ncoppa a chesta terra.
Chisà! ...
Puèsse ch’ rallenta nò puoco d’ girà,
o gliò flusso magnetico aumenta,
e chigli ch’ ssò debboli
pagano l’ conseguenze.
Dopo tutto stò casino
c’ s’ mette gliò maletiempo,
gli lampi ch’ t’ fanno ‘mpaurà,
gli truoni t’ fanno agghiaccià lo sango rento l’ vene
e tt’ fanno afferrà la cacarella o la scioldarella,
gl’acquazzuni cò gliò maletiempo
t’ scurisciono gliò cielo,
e nnui comme a gli spaventapasseri
uardamo gliò finimunno.
‘Nnanzi a gl’uocci
t’ viri l’ piante ch’ss’ contorcciono,
l’ foglie l’ sienti strillà,
gli rami s’ piegano tutti quanta,
l’ereva ‘nterra sembra 
nò mare ch’ ss’ ondula e ss’ ribbella.
Spisso s’ sentono puro gl’auciegli
ch’ smettono d’ colpo d’ cantà ...
e tutto d’ botta
pare ch’ stanno a ffà la guerra,
gli sienti d’ strilla e nnò d’ cinguettà.
L’  pecore s’ puntano p’ terra,
appizzano l’ orecce
e l’ viri ‘nfuriate pronte p’ scappa;
gli cani abbaiano cò nnò moto strano
e può ‘ngni viri chiù,
s’ vanno annascogne
rento a cacche buca o chisà addò.
D’ tutto chesto pare ch’ st’arrivà gliò terremoto,
chi s’annascogne p’ la paura,
chi gliò viri ‘nferocito,
chi cagna comportamento d’ botta,
chi pare ch’ gli stà a passà nnanzi gliò diavoro
cò l’ corna ‘nfronte,
‘nsomma, a tutto ‘nc’ stà na spiegazzione. ...
I penzo ch’ la paura t’afferra stritto,
t’ fa ‘ncantà gli viermi ‘nguorpo.
Sulo a penzà ch’ ‘nsì’  bbuono chiù a ffà niente,
t’ sienti ‘ncitrullito,
‘mbambalito, scimunito, debbosciato, rimbecillito
e puro senza forze.
Chello ch’ ssò riuscito a capì è ch’ ‘ncoppa a sta terra
‘nc’ stà bbuono niente e tutto prima poi addà morì.
E nui pori disgrazziati jamo comme va gliò tiempo.
Pèggio d’accussì ‘ns’ po’ campà.
Peccato! ...
Tutto finisce. ...
Però gl’ome lò sa ch’ prima o poi addà scomparì,
ma nò ‘nfinisce mai d’ fa gliò prepotente,
ancora ‘ns’ vò rende cunto
ch’ ‘ncoppa a chesta terra
tutti c’ famo nò passaggio e può ...
sulo Dio lo sa.
E tutto chesto dicetemello vui a chi l’aggia raccontà? ...
A gliò Pataterno?