Poesie dal libro:
Poesie da:
Per le strade del mondo

 

Piangere

Si piange appena si nasce,
per dolore o per emozione,
per gioia o per amore.
Le lacrime sono
la pace dell’anima. …
Piangono i figli della guerra
e tutti coloro che cadono in battaglia;
piangono la neve e le piante
innaffiate dall’umano sudore.
Tutta la natura piange. …
Piangono gli innocenti
nei luoghi di sterminio,
nei forni crematori,
nei luoghi dei tormenti
e i figli del mare inabissati.
Le mamme
ininterrottamente piangono
addolorate
dallo sterminio senza senso.
Piangere,
piangere sempre,
la vita dell’uomo
è tutta un pianto.

 

Andare …

Me ne andai una sera lontano,
il giorno non sfiorò le mie finestre,
nelle pieghe lievi del mio scialle
fioriva il notturno silenzio.
La luna gioconda splendeva,
tra i raggi obliqui del polverone serale
mi inebriavo col profumo
dei fiori e dei gigli.
Riconosco sol or di esser fragile,
ma alle belle parole
sussurrate nel mio cuore
c’è sempre uno spazio infinito.
Nel buio rossiccio dei miei occhi
si cela un grande sconforto
si leggende tempestose.
Entro senza saper nel mio volere,
e, benigno,
mi guardo negli occhi,
ma con l’oscuro sguardo
trafiggo il mio cuor vivo.
Scivolando da me
come un serpente strisciante,
mi stordisco nella sorda notte
e con le languide labbra
mi tormento,
riflettendo ed andando. …
Andando. …

 

 

All’Assunta Madre Incoronata

Oggi tutto è in allegria,
persino la natura è in armonia,
le piante, i fiori emanano profumi veri,
a me sembra che odoran oggi più di ieri.
La folla segue la madre adorata,
di preghiere e canti riempion la giornata,
il campanile sovrano e maestoso
chiama i fedeli in questo giorno festoso.
Col vicario di Gesù Cristo in testa scorre la processione,
per le vie tutti pregano con fede e con passione,
aspettando la grazia del Signore
che allieti tutti in questo gran giorno d’amore.
Le preghiere corron veloci in questo giorno
van da Dio e son senza ritorno,
annunziano al Signore la festa dell’Assunta Incoronata,
che di tanta fede e grazia è circondata.

 

Il mio caso Fiat

Ho avute diverse ammaccature.
Sono invaso da nausee.
Sento l’udito scassato.
Tra non molto l’ulcera duodenale.
Ho notato che i sindacati
hanno coperto per lungo tempo
i picchiatori e gli assenteisti impudenti.
Tutt’ora  lavoro nella nebbia,
fra strani odori e puzze d’ogni tipo.
Continuo così …
di sicuro perdo la vista e l’olfatto.

 

Notte ‘nsonne sotto l’ stelle
(Dialetto Sant’ Andreano) – Vernacolo

Sta notte
‘ntengo propio voglia d’ dormì,
‘ncoppa na seggia sgangherata
gliò cielo m’ sò mmisso a reverè.
Gliò cielo s’sta facente scuro
e tanti fiuri  a uno a uno
‘ncominciano a spuntà,
so tutte meraviglie d’ stu munno
e nisciuno st’ stelle
la notte l’ và a uardà.
Vicino a chisto rio
Nò canto ‘ntermittente se fa sentì,
so tutte  ranaottole
ch’ fanno cra, cra, cra;
nò nt’ tico la campagna cò sti rigli,
fanno na musica meglio d’ nnò concerto
e tutto sona co nnò cri, cri, cri,
gli jatti che fanno gl’amore
s’ mettono a mmiavolà
e cò chiglio miao, miao t’ fanno spaventà. - (‘mpaurà)
E t’ pareva ch’ ‘nc’ fosse nò cane
A rompe ogni tanto st’ melodie,
cò gliò bau, bau, bau.
Puro l’ jagline e gli pollastri
‘mpaurati da cacche serpe
o da cacche voleva s’ fanno sentì
cò gliò coccodè, coccodè.
Però p’ sta campagna
la sera tutto è bieglio,
ogni tanto s’appiccia cacche luce lontano,
t’ pare na lucciola,
fa la luce a ‘ntermittenza,
sìì… chiglio è gliò ventolagno
ch’ mmove le foglie degli rami delle piante
che gli stanno ‘nnanzi.
Sta notte tutto è bieglio a uardà,
la luna ‘ncielo corre comme a nna tartaruca,
s’ veste co gli raggi deglio sole,
cò gli raggi d’argento da lontano
chiano chiano l’ case c’ fa verè,
Accipicchia!...
Mò a ‘nterrompe sto momento
doveva passà puro sta serena co sto iè,iè,iè
a sconcerà la gente ch’ stà addormì.
Puroi sta notte n. mm’ vò passà,
sembra nò ‘nfierno cò sto cauro,
tra gli rigli, l’ ranocchie, gli cani, gli jatti,
l’ jagline e p’ ffinì l’ sirene degli pompieri
gliò suonno s’ n’ và
e rento a gliò lietto nisciuno c’ s’ stà.
O mama mia,
s’ sta facente juorno,
‘ncoppa la montagna gliò cielo s’ stà a cagnà,
s’ sta facente ruscio e a ‘nnato puoco
‘ncima a esse gliò sole s’ fa verè.
Sapissi comme è brutto quanno ‘ns’ po’ dormì,
l’unica cosa da fa: ‘ncielo mittete a uardà,
tra gli segni deglio zodiaco
ch’ l’ stelle accompognono,
daglio carro maggiore a chiglio minore,
tra la via lattea, glio sagittario, gl’acquario,
gliò capricorno, gliò scorpione e la bilancia,
gli gemelli, gliò toro e gliò leone
e tutto l’auto ancora.
E’ troppo bieglio guardà ‘ncielo,
specialmente quanno è notte,
e nò nt’ scoccia nisciuno,
e zitto zitto t’ uardi gliò cielo
e tutto chello ch’ viri,
pecchè gliò Pataterno t’ c’ fa pensà.
Tra chelle belle stelle e chella luna bianca,
ogni tanto n’apparecchio s’ fa verè,
mò n’ so comme a nna vota
che facevano nò sacco d’ rumore,
mò gli viri sulo comme a l’ stelle luccicà
e da nnà parte a ‘nnauta d’ gliò cielo gi viri volà,
parono propio auciegli scuri,
s’ nò ‘nfosseno p’ chelle quatto luci ‘ntermittenti
ch’ s’appicciano e ss’ stutano
‘ns’ veresseno nemmeno volà.
Comm’è gratificante scrive d’ notte,
senza luce,
sulo cò gliò bagliore degli lampioni,
assettato ‘ncoppa na seggia sgangherata,
l’ parole vanno e venno da sole,
sapissi comme la mente s’ fa sentì,
t’ detta chiano chiano
e tutto t’ rintrona rento le cerevella,
tutte l’ parole ch’ tt’ detta,
sulo ‘ncoppa la carta l’adda mette
p’ ‘nt’ l’ scordà.
St’aria accussì fresca
t’ mette l’anima rento a gliò cerevieglio
e rento a gliò core la felicità.
L’ cerevella anna èsse fresche
e nnò s’anna ‘mmovinà.
…Mò, continuate vui…
I m’ vaio addormì. …
… Bona Notte.