Poesie da:
Volume X
Per le strade del mondo    

 

La progessione
(Dialetto Sant’Andreano) - Vernacolo

A gliò  paese mio ogni anno s’ fa la proggessione,
ceroggeni appicciati, standardi e mmieso nò gonfalone.
S’ festeggia la Maronna delle Grazzie: nostra padrona;
ornata d’ fiuri, d’oro e nna corona ‘ncapo d’ diamanti.
Venerata da nò giubilo d’ canti, s’avvia  portata a spalla
p’ l’ vie e a derèto a Essa la segue preghènne tanta folla.
Gli Carabbinieri e l’ Uardie a gli lati gli fanno strada,
e la Maronna comme a nna Reggina
attraverza l’ vie d’ogni contrada.
Arrèto a Essa s’ nota gliò sindeco cò la fascia tricolore,
e la gènte gli fa reverènza e isso va d’ bbuono umore.
D’ tanto ‘ntanto la statua faceva sosta e ss’ fermava
e gli portaturi, chi stanco  e chi surato, gliò sudore s’assugava.
Gliò prèote ch’ ‘nnanzi  alla Maronna steva
senteva cantà la proggessione e può godeva,
ma quanno vereva ch’  p’ colpa deglio selciato
la statua trabballava e s’appenneva, rimaneva sènza fiato.
Dopo tanta pena e tanto affanno,
d’ bbon’ora la proggessione lènta avanzava,
e tutto d’ botta, all’improvviso
s’ sentì nò fragore dalla folla ch’  mormorava ...
d’ rosari e d’ preghiere s’ n’ sò ritte tante,
tanto è chesto ch’ p’ gliò prèote è orgoglio e vanto.
Ma ogni tanto gliò verivi ch’ ss’ votava,
specialmente quanno gliò canto nò ‘ntonava,
appena s’arrivava p’ la via nò puoco ‘nsalita,
gliò maestre d’ festa gesticolava
e a tutti ridava coraggio e vita;
s’ cagnavano gli portaturi e s’ ricominzava
e tutto in ordine comme a prima ritornava.
Tornati daglio giro,
‘nanzi la chiesa vicino a gliò sagrato,
gli fuochi artificiali ... è finita! 
E gliò ggiro è terminato.
C’ rimane sulo na preghièra
e  p’ finì
la commenione,
p’ rinfrescà l’ossa
daglio giro della proggessione.

 

I tuoi occhi, la tua voce
(Poeta)

Attraversi il cielo grigio
e gonfio di nuvole,
il tutto tramuti in una briosa sera,
persino le gocce di pioggia
trasformi in stelle cadenti.
Mentre la tua voce
imita una delle tante
di madre natura,
è simile ad un torrente in piena.
Con essa imiti
anche la voce dei silenzi.
Con le tue mani
afferri e stringi ogni cosa,
senza soffocarla;
la tua arma
son solo le parole,
arrivi fino all’osso degli uomini;
il tuo mondo
lo rappresenti
su una tavolozza di colori
fatti di una sola marca
chiamata “Sentimenti”,
mentre le tue tele
sono colme della tua “Anima”.
Ma con il tuo dolore atroce,
quasi universale,
percorri senza sosta
infiniti orizzonti.

 

                                                        
In alto i vostri cuori
(Ai donatori di sangue dell’AVIS di Pastena)

In alto i vostri cuori,
voi eredi della vita,
datevi un gran da fare
in questo grande dì.
Ora splende un altro viso
che è quello di un’altra vita ...
l’avete irradiato voi,
si riempia di sorriso
il vostro ben amato cor.
Voi, dispensator di vita,
nel mondo dell’orror
un’altra vita ancor
sorride al vostro amor.
Cantate una canzon,
che sia dell’amor rinato
dalla luce del vostro cuor.
Sorridano i malati,
perché nell’anima lor
un’altra vita c’è! ...
Quella del donator. ...
Si riempiano i lor cuori
del fluido della vita,
e l’amaro calice del male
svanisca in questo dì.
Alzate le vostre lodi,
riempite i mesti cuori
volti alla serenità ...
e da questo vostro esempio
rinasca il grande amor.

 

La pace è na parola nova
(Dialetto Sant’ Andreano) - Vernacolo

‘Ncoppa sto munno s’ parla cò piacere
d’ pace, d’ solidarietà e d’amore,
sò tre parole ch’ rappresèntano la vita,
nisciuna v’è rispettata comme si deve.
Sò chiù d’ vinti sècoli
ch’ ascotamo l’ notizzie ‘ncoppa sta tèrra,
mo, m’ chiedo cò premura:
“Ma la vita è nna virtù o na fregatura?”
S’ parla sulo d’ morte,
‘ncidènti, catastrofe e dispiacere da tutte l’ parti;
sentesse na vota na notizzia bbona.
L’anime d’ sti muorti corrono  p’ gliò cielo disperate,
l’ stelle s’ metteno vergogna,
e la luna spaventata s’annascogne.
Ancora jamo scavènne gli muorti antichi p’ sta tèrra
quanno l’Amèreca v’è ferita
dagli terroristi e gli criminali,
e nnui povera gènte continuamo a seppellì gli muorti,
rento gli cimiteri  lò sango ‘nzuppa sta sventurata terra,
e a nn’ato puoco anziché l’acqua lò sango c’ bevemo,
pecchè sta ‘ddiventà fèrtile e producènte.
Volesse proprio sapè quanno a chisto munno
s’ ‘ncomincia a ffà l’ cose sèrie,
la fame c’ sta ‘ssai,
gli ricchi sò sèmpe chiù puochi,
ma la guèrra della fame la fanno addiventà puro Santa,
propio comme s’ sta ffà,
tra gliò silènzio e cacche lacrima
e cacche grido d’ vendetta
continuamo accire la povera gènte
sotte la parola “Guerra”.
Tutto chesto pecchè?
P’ gliò potere!
E nnui poveracci continuamo a contà gli muorti.
“Pace”, ch’ bèlla parola ...
peccato, tutti n’ parlano ma nisciuno la tène,
mò m’ piacesse parlà d’ pace
a chisti ch’ gli piace fa la guèrra,
volesse propio sapè ch’ m’ dicesseno d’ sta tèrra,
ch’è ddiventata roscia e ‘nzanguelentata p’ gli muorti,
volesse proprio sapè ch’ tènno rento a chelle cerevèlla,
p’ avè tanto odio d’ chisto munno.

 

 

Spirito mio

Son chiuso in una camera oscura,
attorniato da quattro buie mura,
in me sento un forte dolore, atroce ...
ed un lamento agghiacciante di una voce.

Mi par d’esser chiuso in una nicchia in cimitero,
e tutto quanto vedo e sento, mi sembra vero.
Con la confusa mente cerco una fessura,
anche piccolissima, nella muratura,

ove posso veder una luce pia
ed illuminar quest’anima mia.
Di fuori, strilla la gente ferita o quasi morta,
aiuto chiedono da dietro quella porta.

Madre Santissima, ora mi giunge anche la voce mia,
è l’anima mia, di sicuro l’accompagna per la via
che mi conduce dove le croci son tante,
che di pregio hanno solo di esser “Sante”.

Or più son certo, son giunto alla lanterna,
e la mia povera vita là vivrà eterna
in compagnia di Dio e di tutti quanti,
anime pie e tutti i Santi.