Poesie da:
Volume VIII
Per le strade del mondo

Io, viandante

Sono un uomo sempre solo,
spesso non riesco a spiegarmi
come si potrebbe vedere
uno sconosciuto dentro di me;
in questa mirabil notte,
ho seguito lo stesso sentiero dell’andata;
in sogno m’è parso un segno nel cielo,
camminando tutto solo,
ho scalato un’altissima vetta
da cui la stella mattutina
si è messa in cammino.
Ho avuto visione
del mio lontano futuro,
indescrivibile nella sua bellezza.
Delle acque chiare scorrono verso di me,
ed un messaggio fa eco dentro di me,
ogni mio respiro mi risuona tempestivo. ...
Ad un tratto grandi rocce mi sbarrano la via,
ed io,
pensieroso e stanco,
guardo sconfitto e depresso;
ma le onde dell’acqua
limpida e pulita
sbattono contro la materia senza vita,
e dubbioso
alzo il dito e rabbrividisco.
La mia pigra mente
evoca la paura
e cercando la salvezza,
corre all’impazzata
verso la morte.
Ora sono sveglio,
vegeto e riflessivo
ho conquistato l’invalicabile.
Ad un passo risuona il grande sì:
“Sono io!  Veramente io!”

 

 

Mondo in declino

Il mondo è impazzito dall’odio,
è lacerato dalle continue lotte;
strade contorte e schiave della lussuria
sono le note sconnesse della vita.
Grande anima,
porta loro il messaggio immortale,
lascia che il fiore dell’amore
schiuda i suoi petali.
Serena e libera,
santa e pietosa,
cancella ogni macchia
da questa terra,
lascia che il mondo
dimentichi le sue sofferenze,
scaccia le sue illusioni,
rendi luminoso
il sole della conoscenza,
lascia che la vita
ritorni a questo mondo.
Il cuore dell’intero universo
brucia nel fuoco del desiderio,
niente può spegnere questa sete.
Mondo che raggiungi il cielo,
mondo che mediti.
Immerso nel grande silenzio
delle vette montane,
circondato dal mare
sei bello nella tua abbondanza,
ma terribile nella penuria.
La rugiada sciolta
alla prima luce del benigno sole,
il tramonto
che lascia il suo non espresso messaggio.
Sei amoroso e crudele,
vecchio,
ma sempre nuovo,
lungo i tuoi sentieri
trovo disseminati molti rottami di storia,
crescenti ogni giorno e privi di senso.
Con estrema angoscia
ho conquistato
una piccola parte
feconda di vita
ed ora mi poni sulla fronte
un piccolo segno di terra
che sparirà nella notte.
O indifferente mondo,
prima che di me
ti dimentichi totalmente,
tocco il tuo spietato
e crudele piede
col mio ultimo saluto.

 

Ultimo grido

Il grido
che risuona nel mio cuore
è il grido della mia ...    (Donna)
il filo con cui mi lega,
lega anche lei.
L’ho cercata ovunque,
l’ho adorata dentro me,
mi ha cercato quando ero nascosto
e proiettando lo sguardo all’infinito
è riuscita a rubare il mio cuore.
Io con lei sarò
e lei con me sarà,
uniti per sempre dall’amore
nella vita e nella morte.
Eternamente insieme.

 

Nò ricuordo lontano 
(Dialetto Sant’Andreano) - Vernacolo  

Uarda nò puoco
la mente mia ch’ mm’ fa pensà.
Quanno comincietti a ì alla scola,
nò libro e nò quaterno
ch’ tengo chiuso rento a nnò cassitto
‘ncoppa gliò ranale m’ vaio a ricordà.
Piglio la scala mèza rotta,
saglio ‘ncoppa gliò ranale
e subbito m’ metto a remucinà.
Trovo stò quaterno
chiuso rento a nnò cassitto d’ nnò commò,
gliò trovo vieccio assai,
l’ paggine ‘ngiallite tutte quante,
erano addiventate
comme a gliò colore della paglia;
lo scritto s’ riesce a legge a ‘mmalappena.
‘Ncoppa a tutto alla prima paggina
c’ steva scritta a penna na data:
1° Febbraio 1959.
Era gliò compleanno mio!
E teneva a ‘mmalappena sett’anni.
Mente giravo gli fogli uno dopo gl’ato,
m’accorgio ch’ nnò fiore e nnò santino
s’erano ‘ncollati mmieso a dui paggine,
e nna poesia steva scritta
ch’ a ‘mmalappena riuscietti a legge
‘ntitolata: “A mia madre”.
La sò letta cò nnò core cino d’ ‘mozione,
m’appena laggio finita d’ legge
gliò core mio nò mm’accompagnato chiù,
m’ sò mmisso a chiagne comme a nnò creaturo,
pecchè la mamma mia è morta ggione
tant’anni fa, ma sò tant’anni ch’ mm’ segue
e nnò mm’ la pozzo chiù scordà.
Asciugateme la lacrime
continuo a remucinà,
na borza d’ cartone,
nò mantesino niro,
nò colletto e nna serie d’ nastri:
uno ruscio,
uno verde,
uno giallo,
uno tricolore,
sapissi quanti ricuordi m’ sò venuti a trovà;
daglio maestre della prima Elementare
a chella della quinta,
gli compagni d’ scola
ch’ mmanco m’ ricuordo chiù!
Chi è diventato miereco, chi avvocato,
chi ‘ngegniero,
ma la maggior parte d’ issi
la terra s’ sò mmissi a lavorà.
Tutti sti ricuordi
rento a nnò momento sò arrivati,
eppuro, già m’ tocca pensà
a gliò militare e dopo alla fatica.
Tutti sti ricordi m’ fanno paura,
m’ fanno ‘mozionà,
arreto volesse returnà,
quanno ero picciriglio,
tra l’ carezze della mamma mia
e gli rimproveri d’ patemo.
Gliò tiempo aggio acciso
e vieccio m’ sò fatto,
la mente ... essa pensa troppo.
Ma chella poesia
nò mm’ la pozzo chiù scordà.